Flavio Briatore denuncia gli effetti del reddito di cittadinanza: “Offro 1.700 euro al mese ma nessuno vuole lavorare”

Advertisement

È stato il mattatore dell’ultima puntata di CartaBianca in onda su Rai Tre, e Flavio Briatore non ha deluso le aspettative.

L’imprenditore ha toccato uno dei temi più scottanti di questa stagione estiva, quello del lavoro e dei giovani. Flavio Briatore gestisce infatti uno dei locali più rinomati di tutta la Sardegna, il Billionaire, e nella trasmissione dedicata appunto alle riaperture ha toccato un nodo delicato.

Leggi anche: “Mi è stato fatto un danno enorme”, Flavio Briatore sfoga tutta la sua rabbia per la confisca della barca e parla del malore che lo ha colpito a Baku

Advertisement

Flavio Briatore

Flavio Briatore denuncia gli effetti del reddito di cittadinanza

“Pago 1.700 euro al mese, ma non trovo personale”, ha detto Briatore, mettendo al centro della sua critica il reddito di cittadinanza. Secondo il famoso imprenditore la misura a sostegno del reddito voluta dal Movimento 5 Stelle è la causa principale di questo problema.

“Il reddito di cittadinanza va benissimo per gli over 60 che non riescono a reinserirsi, ma per i giovani è deleterio”, dice Flavio Briatore. “I giovani non possono vivere di reddito di cittadinanza, devono mettersi in gioco e non accontentarsi di 600 euro.”

La tesi di Briatore in sostanza tocca il problema del lavoro e delle misure a sostegno delle fasce più deboli e indifese. Tra queste, secondo il patron del Billionaire, non ci sarebbero i giovani. O, almeno, una parte di essi.

Advertisement

“Da noi uno stipendio medio è una forchetta tra i 1500 e i 2000 euro più le mance ai dipendenti che possono arrivare a mille euro eppure ci dicono che vogliono lavorare in nero per non perdere il reddito di cittadinanza”, afferma l’imprenditore.

Leggi anche: Flavio Briatore irriconoscibile: il cambio di look radicale stupisce fan che lo commentano sui social

In studio, a commentare e portare il proprio contributo, anche Maurizio Landini, Segretario Generale della CGIL, il maggiore sindacato italiano. Che, dal canto suo, ha annuito quando l’imprenditore si è detto favorevole alla proroga del blocco dei licenziamenti per alcuni settori, ricevendo in cambio una simpatia proposta.

Advertisement

Quella cioè di essere ospite di Briatore proprio al Billionaire, per toccare con mano le condizioni del lavoro in una azienda molto rinomata.

Condividi: