Roma. Due afghani saccheggiano le auto in sosta rompendo i finestrini con un martelletto frangi vetro: i carabinieri li arrestano per furto aggravato in concorso

Advertisement

Nella notte del 30 agosto, i carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia San Pietro hanno arrestato due afghani colti in concorso di reati mentre saccheggiano le auto in sosta in un quartiere di Roma, dopo aver rotto i finestrini con un martelletto frangi vetro.

Leggi anche: “Ho perso tutti i miei soldi, non ho niente”: rivela Ornella Vanoni e sulla lite con Mina spiazza tutti raccontando un retroscena inedito

I due uomini arrestati, entrambi 31enni, avevano preso di mira diverse auto in sosta nel quartiere di Monteverde a Roma. Le loro azioni criminali sono state bloccate dai carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia San Pietro che sono stati attirati dal comportamento sospetto di uno dei due malfattori: l’uomo infatti si guardava attorno in modo spasmodico nelle vicinanze delle auto in sosta lungo la Circonvallazione Gianicolense. I militari che lo tenevano d’occhio hanno poi stanato il suo complice, che è subito apparso sulla scena, armato di un martelletto frangi vetro che ha usato per mandare in frantumi il finestrino di un’auto ferma con lo scopo di derubarla.

Advertisement

Afghani Roma saccheggiano auto

Saccheggiano le auto in sosta: arrestati due afghani

I due afghani erano entrati in possesso di una cassa acustica bluetooth del valore di 80 euro ma sono stati fermati dagli agenti proprio mentre saccheggiano le auto in sosta. Una volta arrestati i due ladri sono stati condotti in caserma chiamati a rispondere del reato di furto aggravato in concorso. Il bottino della loro azione predatoria dopo essere stata recuperata è stata restituita al legittimo proprietario.

Leggi anche: “Mille bare abbandonate sotto un tendone da oltre un anno: un’immagine che sa di orrore e sconfitta”, il video di denuncia di Selvaggia Lucarelli

Inoltre i carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia San Pietro hanno avviato delle indagini per verificare tra l’altro se i due afghani arrestati sono gli autori materiali di altri furti che si sono verificati recentemente nello stesso quartiere romano.

Advertisement
CONDIVIDI ☞