“La variante Mu potrebbe resistere ai vaccini ed essere più contagiosa”: Fabrizio Pregliasco lancia l’allerta sulla nuova mutazione del Coronavirus

Advertisement

Quando ancora non sono stati archiviati i contagi della variante Delta, il mondo scientifico sta studiando una nuova mutazione del virus: la variante Mu di cui ha parlato anche il virologo Fabrizio Pregliasco. Al momento sulla nuova mutazione del Covid si hanno solo poche informazioni, che fanno ipotizzare che si tratti di una forma molto contagiosa capace addirittura di bucare la protezione immunitaria, essendo resistente ai vaccini.  Il professor Pregliasco ha sottolineato che la nuova variante ha la capacità di sfuggire ai vaccini dimostrandosi altamente trasmissibile, anche se al momento si hanno pochi dati: “proprio per questo è necessario aspettare per capire i risvolti della possibile diffusione di questa nuova variante”.

Leggi anche: “Terza dose del vaccino al via già da settembre”: l’annuncio del ministro Roberto Speranza che conferma la nuova fase della campagna vaccinale

Il virologo italiano pur lanciando l’allerta sulla variante Mu ha precisato che deve essere monitorato il suo cammino, per valutare bene la necessità della terza dose del vaccino. “Non è detto che una variante sia sempre cattiva, perché il virus si evolve in modo casuale, senza una logica. Abbiamo censito più di 900 varianti, molte delle quali irrisorie. Non tutte le varianti sono dannose come la Delta, ma non bisogna farsi cogliere impreparati, per questo il virologo è favorevole all’obbligo vaccinale” – il commento di Fabrizio Pregliasco.

Advertisement

La variante Mu potrebbe resistere vaccini

Fabrizio Pregliasco sulla variante Mu

Non solo il professor Pregliasco ha reso noto gli studi avviati sulla variante Mu, per analizzare le caratteristiche di questo tipo di mutazione e per valutare l’efficacia dei vaccini, ma ha ancora una volta esortato alla vaccinazione.

Leggi anche: “Mi licenzio perché contraria al Green pass”: la protesta della professoressa che dopo 17 anni di carriera rinuncia alla sua cattedra

“Ritengo che sia fondamentale utilizzare al meglio l’opportunità della vaccinazione, perché ha già dimostrato efficacia e sicurezza. A fronte di quest’arma, l’uso più ampio possibile con un obbligo o anche con un green pass allargato, è la strada giusta”. Fabrizio Pregliasco ha spiegato che il vaccino non solo riduce i costi sanitari della terapia intensiva ma permette inoltre di poter ritornare alla normalità: Non esiste un diritto di infettare gli altri e questo è l’elemento principale che sta dietro alla vaccinazione”.

Advertisement
CONDIVIDI ☞