Il dramma di Barbara D’Urso: “Mia madre e quella stanza maledetta. Un dolore incolmabile, per sconfiggerlo mi sono affidata all’analisi”

Advertisement

Anche se appare sempre solare e sorridente, Barbara D’Urso da piccola ha vissuto un dramma che l’ha segnata profondamente: la morte prematura della madre.

La sua mamma Vera Pentimalli è deceduta il 23 agosto 1968, quando la presentatrice aveva solo undici anni.

La scomparsa della madre in giovane età è ancora oggi una ferita aperta e dolorosa per la punta di diamante di Mediaset.

Advertisement

Malgrado Barbara D’Urso sia molto riservata per quanto riguarda la sua vita privata, che custodisce gelosamente, parla con piacere dei suoi genitori anche se il ricordo legato alla mamma è alquanto doloroso.

Infatti la madre di Barbara D’Urso è morta a causa di una lunga malattia che la conduttrice ha raccontato in un suo sfogo toccante.

Nel corso del suo racconto si è lasciata andare ad alcune rivelazioni commoventi che hanno colpito profondamente chi da anni segue la conduttrice, e che non avrebbe mai pensato che nella sua vita ci fosse questo triste retroscena.

Il dolore incolmabile di Barbara D'Urso per la morte prematura della madre

Advertisement

Il dolore incolmabile di Barbara D’Urso per la morte prematura della madre

Un racconto sentito, affidato alle righe di un’intervista concessa a La Repubblica che ha avuto modo di raccogliere uno sfogo personale che ha fatto rabbrividire molti lettori.

La conduttrice ha così svelato un passato molto doloroso legato alla malattia incurabile della madre ed alla perdita in giovane età del genitore.

Un evento drammatico che ha sconvolto la vita di Barbara D’Urso segnandola per sempre.

Advertisement

Nel suo racconto molto privato, la conduttrice ha parlato apertamente del trauma legato al ricordo del periodo della lunga malattia di sua madre.

Il dramma di Barbara D'Urso- Mia madre e quella stanza maledetta

Barbara D’Urso ha infatti rivelato un ricordo molto doloroso:

“Mia madre stava in questa stanza dove non mi facevano mai entrare. Poi un giorno non c’era più. Facendo analisi ho immaginato di sfondare quella porta chiusa“.

Un trauma che la conduttrice si è portato dietro per anni e che ha confessato di aver cercato di superare con l’aiuto di un terapista.

Barbara D’Urso ha apertamente confidato di aver fatto i conti con un dolore incolmabile che ha cercato di superare affidandosi all’analisi.

Un sostegno che ha permesso alla presentatrice di immaginare di sfondare la porta della stanza maledetta nella quale la madre ha trovato la morte.

Condividi: