“Chi si rifiuta di fare il vaccino è ignorante”: Claudio Amendola si scaglia furioso contro i No-Vax

Advertisement

È stato ospite di Tagada Claudio Amendola, e l’attore romano, molto amato dal grande pubblico, ha toccato temi molto delicati.

Intervistato da Tiziana Panella, Claudio Amendola ha detto la sua sui temi di attualità che stanno riguardando il Paese. Tra questi, e non poteva certo mancare, la questione vaccini e il pericolo della variante Delta.

Amendola con la sua solita franchezza non è stato certo delicato nei confronti dei cosiddetti No-Vax.

Leggi anche:Lo sfogo del medico richiamato dall’ordine: “Non sono un no-vax, né un negazionista, ma solo contro il vaccino anti-Covid”

Advertisement

Claudio Amendola

Claudio Amendola si scaglia contro i No-Vax

“Chi si rifiuta di fare il vaccino è ignorante”, ha detto l’attore. Che ha ripercorso con Tiziana Panella quest’anno di pandemia, ammettendo di aver avuto paura. “Il 18 luglio ho la seconda dose e quando ho fatto la prima ho avuto un senso di liberazione, dicendomi che forse il casco non me lo metto”, ha raccontato Claudio Amendola. Non avendo vergogna di portare al pubblico le sue esperienze ed i suoi pensieri riguardo il Covid-19.

Anzi, leggendo l’editoriale che Massimo Giannini, Direttore de La Stampa, ospite anch’egli in studio, scrisse dopo aver fatto un periodo in terapia intensiva. Amendola ha elogiato Giannini per il suo racconto, dicendogli “Ti abbiamo visto riapparire con un grande coraggio, portavi sul viso i segni della malattia”.

Sostenitore deciso della campagna di vaccinazione Amendola ha insistito sul ruolo che i media e tutti i mezzi di informazione possono fare per convincere le persone. Insistendo su un punto che, a suo parere, deve essere affrontato. Quello cioè di chi incita a non vaccinarsi. “Mi pare folle che questo ragionamento non lo facciano tutti”, ha spiegato l’attore romano riguardo i timori nei confronti del vaccino.

Advertisement

Leggi anche: Nota conduttrice muore a pochi giorni dalla prima dose del vaccino AstraZeneca dopo aver sviluppato coaguli di sangue e emorragie

“Il motivo è che sono ignoranti, non ce ne sono altri e io posso dirlo perché non devo rendere conto a nessuno, non ho i social e non possono insultarmi. È solo una questione di ignoranza”, ha concluso Claudio Amendola.

Condividi: