Advertisement

Claudio Baglioni contro le polemiche per la cena con Elly Schlein: “Basta con le guerre stupide che nutrono di banalità il pubblico”

Advertisement

Claudio Baglioni è finito nel vortice delle polemiche per via di una cena organizzata in casa sua, che sorge ai Parioli, alla quale ha partecipato un’ospite speciale: la segretaria del Pd Elly Schlein. Proprio quest’invito ha fatto discutere le stampa dopo l’indiscrezione comparsa sulle colonne de Il Foglio, quotidiano diretto da Claudio Cerasa, che ha documentato l’evento svelando che la cena è stata organizzata in casa del cantautore romano per un’occasione speciale: la presentazione in anteprima del film “Tutti su! Buon compleanno Claudio”.

Dopo il putiferio mediatico che ha colpito Claudio Baglioni, l’artista romano ha voluto mettere a tacere le malelingue spegnendo così la polemica che si è abbattuta contro di lui, reo secondo la stamapa di aver organizzato una serata-evento in casa sua con ospiti speciali, tra cui la segretaria del Pd Elly Schlein, un’ospite che ha fatto parlare molto l’opinione pubblica.

Claudio Baglioni respinge le critiche per la cena in casa sua con ospite Elly Schlein

Il cantante prossimo a festeggiare il 16 maggio, 72 anni, ha respinto le accuse che si sono fiondate contro di lui per precisare che se farà una cena inviterà molte meno persone dell’ultima volta, per poi passare alla sua difesa: “Ci tengo a dire che tutte le persone che c’erano a casa mia quella sera erano tutti ospiti nello stesso identico modo: non ho mai fatto classifiche tra un ospite e un altro. Purtroppo questi sono i nostri tempi anche se uno fa una cena, è come se si dovesse mettere un elmetto per entrare in una barricata delle mille guerre che ogni giorno si fanno, stupide e insensate, che nutrono di banalità il pubblico”. 

Schlein cena Baglioni replica

Leggi anche: Valeria Marini punzecchia Elly Schlein, la sua frecciatina non passa inosservata: “A me non serve”

Amareggiato per essersi ritrovato sotto accusa, Claudio Baglioni ha rivolto poi una pungente invettiva alla stampa sentenziando: “È che quando leggo certe cose comincio a dubitare che anche tutto quello che si scrive del mondo abbia questo stesso dignità e questo stesso valore”. Infine ha chiuso con una battuta: “Io faccio queste cene e invito Tornatore, Muccino, Verdone per avere delle scritture, perché il mio sogno è fare l’attore”.

Leggi anche: Neonata abbandonata nella culla per la vita della Croce Rossa: “Vi affido un pezzo della mia vita”, il biglietto strappalacrime della mamma

CONDIVIDI ☞