Grave dramma per Maria Teresa Ruta: “Io svenuta e mezza nuda in strada”. Il racconto turba profondamente Silvia Toffanin

Advertisement

Racconta quello che nemmeno la casa del Grande Fratello Vip è riuscita a far emergere. Nel salotto di Silvia Toffanin, a Verissimo, Maria Teresa Ruta parla di sé e della sua giovinezza, rivelando una vicenda realmente drammatica.

“Ero svenuta e semi nuda in mezzo alla strada, ma non dissi niente ai miei genitori”.

Il tentativo di rapina e la violenza subita appartengono a quel passato che ogni tanto riemerge.

Advertisement

Leggi anche: GF Vip. Maria Teresa Ruta in piena crisi emotiva: “È tutta colpa mia. Così non va bene”, si sfoga tra le lacrime

Maria Teresa Ruta racconta il suo dramma

“Ho subito un’aggressione da adolescente, iniziata come aggressione per furto, e divenuta altro. Nessuno è intervenuto, un pomeriggio di ferragosto, erano le due, e per le strade di Roma non c’era nessuno in giro”, racconta una Maria Teresa Ruta con gli occhi pieni di lacrime.

“Ho reagito e questo ha incattivito i due ragazzi, che mi hanno spinto dentro un portone. Ho cominciato a dare calci e mi sono ritrovata seminuda svenuta per terra, perché qualcuno li ha interrotti.”

La Ruta confessa che quell’ episodio drammatico ha poi segnato la sua vita di donna.

Advertisement

“Tutto ciò è diventato un macigno. Avevo avuto un ragazzo al liceo e non avevo avuto nessun rapporto con lui, ma dopo questo attacco non sono riuscita a farmi sfiorare da un uomo.”

Il dramma di Maria Teresa Ruta

L’incontro con l’ex marito

Poi l’incontro con Amedeo Goria, anch’egli giornalista, il matrimonio e la nascita dei figli. Tra cui Guenda, che ha accompagnato per una parte Maria Teresa all’avventura del Grande Fratello Vip.

Advertisement

Leggi anche: GF Vip, Maria Teresa Ruta fra le lacrime rivela: “Mio marito desiderava un figlio da me”. Guenda Goria incredula replica: “Abbiamo troppi tabù”

“Invece Amedeo Goria mi ha sposato lo stesso e poi sono arrivati i figli”. 

Parla anche del rapporto con i genitori Maria Teresa Ruta nel salotto di una Toffanin particolarmente turbata dai suoi racconti  , veri e propri pilastri che hanno aiutato la sua non facile adolescenza.

“Ero bulimica da adolescente, parlando con uno psicologo, molto tempo dopo, ho capito che era il carico di aspettative che c’era nei miei confronti a scatenare tutto. Lavoravo come modella, ero un’atleta e avevo ottimi voti “ dice Maria Teresa ricordando quegli anni.

Poi la scelta del giornalismo e di una carriera che l’ha vista e la vede tutt’ ora protagonista sul piccolo schermo.

Condividi: