Advertisement

Filippo Turetta, la drammatica richiesta una volta arrivato in carcere: “Fatemi vedere i miei genitori”

Advertisement

Filippo Turetta, reo confesso dell’omicidio della sua ex fidanzata, chiede disperatamente di vedere i suoi genitori. Il caso di Turetta, il giovane detenuto nel carcere di Montorio, a nord di Verona, con una capienza di 350 posti ma che ospita 500 detenuti, ha catturato l’attenzione nazionale. Turetta, un 22enne rimpatriato in Italia con un volo dell’Aeronautica militare, è accusato dell’omicidio della sua ex fidanzata, Giulia Cecchettin, un crimine che ha profondamente turbato la comunità.

All’arrivo del 22enne a Montorio, circa una ventina di persone si sono radunate fuori dal carcere di Montorio, a Verona, esprimendo offese ed insulti pesanti al suo passaggio. Turetta, visibilmente scosso e silenzioso, sembra cercare conforto nella speranza di un incontro con i suoi cari, ripetendo insistentemente la sua richiesta: “Quando posso vederli?” – questa richiesta riflette l’incomprensione del giovane riguardo al dolore causato anche alla sua famiglia, come se fosse scontato che il padre Nicola desiderasse riabbracciare il figlio trasformato in un criminale.

Filippo Turetta, la richiesta di vedere i genitori

In casi tragici come questo, è comune che il colpevole, soprattutto se giovane, cerchi sostegno emotivo nei genitori, associati a sicurezza e conforto. Questo bisogno istintivo si intensifica in momenti di shock e disorientamento. Sentendosi smarrito, il giovane può vedere i propri familiari come una bussola morale, una fonte di guida e consiglio in un momento di grave crisi personale. Il senso di colpa e la ricerca di redenzione possono spingere a voler affrontare i genitori, rappresentando un primo passo verso l’accettazione delle proprie azioni e un desiderio di pentimento.

Filippo Turetta, genitoriLa paura delle conseguenze legali e del futuro incerto può rendere ancora più urgente il bisogno di contatto con le figure genitoriali.  Inoltre, il confronto con i genitori può rappresentare l’inizio di un processo di elaborazione del rimorso e della consapevolezza della gravità del proprio comportamento.

Leggi anche: Filippo Turetta: La Situazione Attuale nel Carcere di Verona

La nuova realtà carceraria per il giovane comprende perquisizioni, restrizioni severe, e l’isolamento in una cella condivisa con un altro detenuto di eguale gravità criminale. Questo regime di “grande sorveglianza” segna un drastico cambiamento nella vita quotidiana del detenuto. L’avvocato Giovanni Caruso descrive Filippo come molto provato e disorientato, pur mantenendo condizioni di salute stabili. Con l’interrogatorio imminente, Turetta si trova di fronte a decisioni che influenzeranno il suo futuro, in un caso che ha lasciato una comunità in lutto e in cerca di giustizia per Giulia Cecchettin.

Leggi anche: Filippo Turetta, il doloroso sfogo del padre in lacrime: “Ho avuto in casa un mostro”

CONDIVIDI ☞