“L’obbligo vaccinale è la soluzione per arginare i ricoveri”, tuona l’immunologo Sergio Abrignani, mentre Ricciardi propone: “No Green pass a chi fa il tampone”

Advertisement

Sergio Abrignani, immunologo e membro del Comitato tecnico-scientifico, ha espresso la sua posizione in vista della ripresa della scuola e dei prossimi mesi, preventivando come unica soluzione contro il Covid l’obbligo vaccinale. Questa l’opinione dell’immunologo: “L’obbligo vaccinale diventerebbe una risposta efficace anche contro i no-vax, animati da certezze paranoidi, e quelli non li smuovi se non imponendo per legge la vaccinazione”.

Leggi anche: ”Faccia un tampone privato”: ha febbre e dolore ma l’ospedale lo rimanda a casa, il 47enne muore di infarto

In un’intervista a La Stampa, l’esperto ha ribadito che vorrebbe che la vaccinazione diventasse obbligatoria, per limitare l’aumento dei ricoveri dei non vaccinati, che prevede per le prossime settimane. Oltre a ribadire la necessità di introdurre l’obbligo vaccinale, Abrignani ha affrontato anche il tema del Green pass definendolo “un ottimo strumento e sta funzionando” e che sarà utile anche nei mesi freddi quando molte attività non potranno contare più sui posti all’aperto.

Advertisement

obbligo vaccinale

Sergio Abrignani su obbligo vaccinale e terza dose

Al parere di Sergio Abrignani, fanno eco le parole di Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute. L’esperto intervistato dal Messaggero ha confermato che ritiene necessario estendere il Green pass a trasporti, scuole, attività di lavoro, bar, ristoranti per incoraggiare a vaccinarsi. Anche Ricciardi ha affrontato il tema dell’obbligo vaccinale, sostenendo che deve essere una decisione del governo e che si tratta di un atto etico di protezione. Secondo il consigliere del ministro della Salute bisognerebbe non dare il Green pass a chi fa il tampone perché a suo dire si dovrebbe rilasciare solo a chi si è vaccinato o è guarito.

Leggi anche: Un medico accetta solo pazienti vaccinati: “Lo devo a loro, alla mia famiglia e a me stesso”, parla il chirurgo ortopedico Pietro Bica

A sua volta il membro del Cts Abrignani ha rilevato un dato preoccupante: ad oggi circa 3 milioni e mezzo di over 50 non si sono ancora vaccinati, rischiando di andare incontro a forme gravi di Covid-19. Ma l’esperto ha anche espresso la sua opinione sulla terza dose di vaccino: “Ha senso se somministrata ai “soggetti fragili con una chiara immunodeficienza e poi le categorie ‘suscettibili’ come gli anziani e gli operatori sanitari. Ma anticipare una terza dose per tutti non è possibile […]a priorità è proteggere prima chi non è vaccinato […]“.

Advertisement
CONDIVIDI ☞