“Non si può dire il Padre Nostro a scuola, non è consentito”: una maestra interrompe la preghiera all’inaugurazione dell’anno scolastico

Advertisement

La vicenda della maestra che ha interrotto la preghiera del Padre Nostro ha scatenato forti polemiche e continuerà a farlo.

Il tutto è accaduto qualche giorno fa in Friuli Venezia Giulia  durante l’inaugurazione di una scuola ristrutturata. Una maestra ha fermato il parroco che stava recitando il Padre Nostro suscitando l’indignazione dei presenti. Siamo a Precenicco in provincia di Udine, durante la cerimonia di apertura del nuovo anno scolastico in una scuola appena ristrutturata. Insieme agli alunni delle elementari anche il Sindaco e il parroco della piccola comunità friulana.

Al momento della benedizione Don Cristiano Zentilin ha cominciato a recitare il Padre Nostro.

Advertisement

Leggi anche:”Non ho i soldi per fare il tampone ogni 2 giorni”: il grido di protesta della bidella senza Green pass fermata dai Carabinieri all’entrata della scuola

Padre Nostro interrotto

Una maestra interrompe il Padre Nostro e indigna i presenti

“Non può, non è consentito”, ha detto una maestra interrompendo il parroco. “L’Italia è uno stato laico e la sua preghiera potrebbe urtare altre fedi religiose”. Immediate le reazioni di diversi esponenti politici presenti alla inaugurazione della scuola elementare.

“La preghiera, ha detto il Consigliere Regionale di Forza Italia Zanin, con cui tutti siamo cresciuti viene ritenuta un atto ‘politicamente scorretto’, da proibire in pubblico. Non sono affatto d’accordo con questa impostazione culturale, che con la scusa di non urtare la sensibilità di persone che possono pensarla in maniera diversa rischia di estraniarci non solo dai nostri valori ma anche dalle nostre tradizioni”, ha concluso in maniera molto secca Zanin.

Advertisement

“Chi ha invitato il parroco lo ha fatto per garantire la benedizione con rituali che conosciamo, salvo poi fermarlo dinanzi a tutti”, ha sottolineato Mauro Di Bert, di una Lista Civica locale che appoggia il Presidente del Friuli Fedriga.

Leggi anche:“I vaccini causano varianti. Il problema non sono i non vaccinati”: le parole di Matteo Salvini scatenano le polemiche 

La vicenda diventa un caso nazionale

La vicenda del Padre Nostro interrotto dalla maestra è diventata un caso nazionale. Mentre si discute anche dell’opportunità di mantenere il Crocifisso nelle aule, la richiesta della maestra a Precenicco dimostra quanto le idee in materia siano diverse.

Advertisement

Andrea De Nicolò, il Sindaco del paese, si è detto sconcertato e ha promesso che alla inaugurazione del campo sportivo non consentirà un’altra situazione come questa.

CONDIVIDI ☞