“Pippo Franco usava un Green Pass falso!”: il nome del comico è emerso dalle perquisizioni dei Nas sul medico indagato per certificazioni sospette

Advertisement

Nell’ambito dell’indagine sul medico indagato per certificazioni sospette nella Capitale, per aver emesso falsi Green pass ed attestato finte vaccinazioni, sono spuntati i nomi di vari vip, e secondo quanto riferito dal Corriere della Sera figura anche quello di Pippo Franco. Il noto cabarettista sarebbe stato denunciato per possesso di Green pass falso, dopo che le perquisizioni dei Nas nei confronti del medico indagato per certificazioni sospette hanno fatto emergere una lunga lista di illeciti.

Quindi il nome del comico potrebbe finire nel registro degli indagati della Procura di Roma, alle prese con l’indagine a carico di un dentista della Asl di Roma che svolge l’attività di medico di base. Nei confronti del professionista si sono indirizzate recentemente le inchieste dei carabinieri del Nas. La posizione di Pippo Franco dovrà essere chiarita, anche se come documentato da un suo scatto social, il comico è stato in quello studio dentistico.

Leggi anche: “Green pass e certificati di esenzione falsi a politici e personaggi dello spettacolo”: avviate le indagini su due medici da parte della procura di Genova e di Roma

Pippo Franco denunciato Green pass falso

Advertisement

Pippo Franco e denunciato Green pass falso

Da quanto emerso dalle indagini degli inquirenti, il medico indagato avrebbe somministrato circa cento vaccini e rilasciato dei certificati sospetti, tra cui quello del comico, si ipotizza infatti che abbia rilasciato certificati vaccinali sospetti dopo delle false vaccinazioni. Il medico ha negato di essere stato oggetto di una perquisizione, confermando però la visita dei Nas nello studio parlando di un normale controllo.

Leggi anche: Premio Nobel per la medicina, la rabbia di Matteo Bassetti: “Avrebbero dovuto vincere gli scienziati che hanno sviluppato il vaccino Rna messaggero”

A far sospettare gli inquirenti il gran numero di persone che si è rivolto al medico di base anche se molte persone risultano residenti in zone distanti dallo studio del professionista, come nel caso dello stesso Pippo Franco. Il medico avrebbe rilasciato falsi certificati a persone legate alla cosiddetta Roma bene servendosi di figure intermediare. Un caso che ha suscitato un certo imbarazzo come emerso dal commento dell’assessore alla Sanità e Integrazione Sociosanitaria, Alessio D’Amato: “Pippo Franco? Se venissero confermate le notizie relative a presunti Green pass falsi sarebbe gravissime. Auspico che si faccia subito chiarezza su questa vicenda”.

Advertisement
CONDIVIDI ☞