Versilia. In classe un solo bambino viene lasciato senza regalo di Natale: “È cattivo”

Regalo di Natale per una classe intera escluso un bambino che secondo le maestre non si comportava bene e andava punito in qualche modo. Forse però la decisione presa è stata esagerata e adesso il comportamento le maestre avrà delle conseguenze.

Giorno 23 dicembre in occasione delle ultime lezioni, una mamma è andata a prendere il figlio di 4 anni a scuola e le maestre l’hanno informata che per lui Babbo Natale non aveva portato nulla.

Regalo di Natale la punizione per il bambino ed il caos nel mondo scolastico

Regalo di Natale per tutti i bambini, piccole cose, come delle matite, un astuccio, dei pennarelli, giochini di poco conto che però hanno contribuito a rendere felici i piccoli. Non tutti, perché mentre i compagnetti scartavano i regali, uno di loro veniva rimproverato dalle maestre per la cattiva condotta.

La mamma del piccolo si è subito indignata ed ha parlato ai microfoni molto arrabbiata per il cattivo gesto delle maestre. Loro gli avrebbero voluto dare una lezione. In realtà hanno soltanto commesso una ingiustizia, lui ci è rimasto molto male, il solo immaginare la scena l’ha fatta soffrire e probabilmente il bambino non dimenticherà mai quanto ha vissuto. Ha pianto tantissimo e quando la mamma è andata a prenderlo lo ha trovato mogio mogio. La loro storia è finita su tutte le pagine dei quotidiani del Tirreno.

Regalo di Natale

La mamma ha deciso di cambiare scuola al piccolo; la preside si è scusata, non era a conoscenza dei fatti

Prossimamente il bambino cambierà scuola e verrà trasferito altrove nella speranza che venga accolto come merita. La mamma del piccolo si è rivolta alla preside che si è scusata e le ha detto che si sarebbe informata. Ormai però è troppo tardi, per il bambino è stato uno shock e non merita di avere intorno a lui delle maestre capaci di una scelta del genere.

La dirigente ha avviato accertamenti appena ha saputo della vicenda per cercare di capire qualcosa di più. Ha dichiarato che le maestre avevano motivato l’azione affermando che non c’era altro da fare per imporre delle regole al bambino. Qualora si fosse comportato bene avrebbe avuto il suo pensierino a Gennaio. Ma adesso nulla di questo potrà essere utile perché la decisione è stata presa. Secondo il parere comune tutto questo è inaccettabile.

Condividi: