Roberto Vecchioni, la confessione choc sul tradimento della moglie: “Ecco come l’ho scoperto”, fan sconvolti

Advertisement

Roberto Vecchioni impegnato nella promozione della sua ultima fatica discografica, il nuovo album dal titolo “I giovani siano curiosi come Ulisse”, ha rilasciato una serie di interviste soffermandosi su alcune pagine della sua vita familiare rimaste a lungo custodite nel proprio diario dei ricordi. Il cantautore milanese con una passione sfrenata per la cultura classica, è laureato in lettere classiche presso l’Università Cattolica Sacro Cuore di Milano, si è raccontato in una recente intervista per Il Corriere della Sera, svelando come ha vissuto il tradimento dell’ex moglie ed il coming out di sua figlia.

Roberto Vecchioni, che si è cimentato non solo con l’insegnamento ma anche con la scrittura, dimostrando un grande ecletticismo, ha alle spalle due matrimoni, di cui uno naufragato per via di un tradimento. Dopo le nozze con Irene Bozzi, un’unione da cui è nata la sua primogenita Francesca, il professore si è sposato una seconda volta con la scrittrice e giornalista Daria Colombo che lo ha reso padre di: Arrigo, Carolina ed Edoardo.

Roberto Vecchioni, la clamorosa confessione sul tradimento dell’ex moglie e sul coming out della figlia

A proposito della fine del suo secondo matrimonio, Roberto Vecchioni ha condiviso un retroscena inedito tenuto segreto per circa 46 anni: “Ero sulle colline intorno a Scandicci con la mia prima moglie, quando ho scoperto il suo tradimento…Poi il matrimonio è finito. Lo sfondo troppo bello strideva con il mio dolore, perciò scappai via…Ma Firenze non ha colpe, è simbolo dell’umanità, perché da lì inizia l’Italia e mi ispira solo pensieri positivi”. Un episodio che ha scosso la sua vita, ma che ha ispirato anche un brano del cantautore milanese, nato da due napoletani, si tratta della canzone “Due giornate fiorentine”.

Advertisement

Leggi anche: Dramma Umberto Smaila, lo sfogo choc dell’artista: “Non ho più soldi, ecco cosa sono costretto a fare”

Roberto Vecchioni dopo aver parlato per la prima volta del tradimento subito dalla sua ex moglie, nel corso dell’intervista concessa a Il Corriere della Sera, ha affrontato anche un altro ricordo personale alquanto delicato: il momento in cui la sua primogenita ha confessato la sua omosessualità anni fa, trovando una grande apertura da parte del genitore che ha dato una nobile definizione di amore.

Roberto vecchioni moglie

“Francesca aveva 15 anni quando venne da me impaurita sussurrando ‘Papà ti devo dire una cosa’. Le chiesi: ‘Che c’è? Sei drogata? Ti sei innamorata di un assassino? No? Allora vaf…, mi hai fatto prendere un colpo’. L’ho sempre saputo, e non ci ho mai badato. Trent’anni fa, sono stato un anticipatore. Credo che l’amore sia universale. Ho accompagnato Francesca tre volte ad Amsterdam per la fecondazione assistita; alla fine sono arrivate due gemelline che oggi hanno 9 anni. So che lei l’ha fatto per me, perché voleva farmi diventare nonno. Poi anche Carolina ha avuto due figlie. Per tutte e quattro, sono un nonno che gioca tanto”.

Advertisement

Leggi anche: Enrica Bonaccorti attacco feroce a Lulù Selassiè: “Per fortuna i genitori di Manuel sono intervenuti e vi spiego il perché”, fan furiosi

CONDIVIDI ☞