Vaccino Pfizer: il numero record di reazioni avverse registrato in Italia diventa preoccupante

I dati raccolti nel nostro Paese sulle reazioni avverse del vaccino Pfizer anti Covid hanno messo in allarme il mondo della sanità.

Si tratta infatti di una situazione allarmante che ha messo sotto la lente di ingrandimento il vaccino di Pfizer-BionTech, il primo ad essere approvato e somministrato non solo in Italia.

Nel corso della campagna vaccinale si è registrato un allarmante numero di reazioni avverse gravi e lievi.

Queste manifestazioni, che si sono verificate dopo la somministrazione della dose del siero, hanno evidenziato una casistica del 38% in Italia.

Ma il vaccino Pfizer ha provocato reazioni avverse anche in altri Paesi, segnalando un conteggio delle reazioni pari a 31.

I numeri sono stati resi noti da Eudravigilance, l’ente che ha il compito di raccogliere le segnalazioni di reazioni avverse ai medicinali e che ha stretto una partnership con l’Ema.

L’Eudravigilance ha l’onere inoltre di classificare le manifestazioni avverse del vaccino Pfizer anti Covid in base al Paese di provenienza, tenendo conto di altri parametri quali: età del soggetto, genere, eventuali condizioni patologiche pregresse, tipologia e gravità della reazione avversa.

I dati emersi in Italia hanno spinto il settore medico e scientifico ad interrogarsi sul motivo per cui nel nostro Paese il numero di reazioni avverse sia così alto.

Inoltre la stessa classificazione delle reazioni al vaccino ha messo in crisi gli esperti che si sono trovati dinanzi ad un vero e proprio enigma.

Vaccini e reazioni avverse

Vaccino Pfizer: i dati sulle reazioni avverse destano preoccupazione

Il vaccino di Pfizer, che si è somministrato negli ultimi due mesi, ha scatenato complessivamente 26.849 reazioni avverse, con una maggiore incidenza pari all’81,9% tra i soggetti compresi nella fascia di età tra i 18 anni ed i 64 anni.

A destare maggiore preoccupazione, esaminando la sezione Number of individual cases by EEA countries, è il primato del nostro Paese che si trova in vetta ai Paesi dove il vaccino Pfizer è stato distribuito.

In totale si sono riscontrati 8741 casi di reazioni avverse in Italia, di cui 8711 gravi, rispetto ai 2347 casi verificatesi del Regno Unito.

La classifica sulle reazioni avverse evidenzia poi 2046 episodi registrati in Spagna ed anche 1777 casi in Germania.

Una situazione allarmante che ha suscitato grande allarmismo, sollevando anche una serie infinita di quesiti a cui ancora non è possibile dare una risposta.

Condividi: