“In arrivo la faccina dell’uomo incinto”: le nuove emoji 2021 infiammano le polemiche sul web

Advertisement

In occasione dell’Emoji Day, si sono presentate delle nuove icone che faranno parte del prossimo aggiornamento Unicode 14.0 e tra le novità che hanno attirato maggiore interesse è spuntata l’immagine dell’uomo incinto. Nell’aggiornamento che arriverà sugli smartphone si ripropone un tema scottante dell’attualità, relativo al gender neutral che apre a dibattiti controversi.

Leggi anche: Si fidanza con entrambe le gemelle e dopo 10 anni chiede loro di sposarlo: “Vi amo tutte e due, vi renderò felice”, promette. E il web si scatena

La messaggistica rinnova il suo codice per riflettere al meglio il linguaggio contemporaneo, che si fa interprete di una società inclusiva. Il fenomeno dei Seahorse Dad, o dei papà cavallucci marini, è un tema al centro di dibattiti che aprono a posizioni controverse. Anche gli emoji sono dunque espressione del linguaggio contemporaneo con cui si segnala un contesto spesso taciuto: quello relativo alla transizione di genere, che la società sta imparando ad affrontare senza tabù o preconcetti.

Advertisement

emoji uomo incinto

Aggiornamento Emoji: l’icona dell’uomo incinto

L’immagine dell’uomo in stato di gravidanza farà dunque parte del pacchetto delle icone disponibile sugli smartphone insieme ad una variegata lista di simboli, che si fanno interpreti delle rivendicazioni LGBTQ+. Così dopo le icone che rappresentano le coppie omosessuali che si sposano, con due spose o due sposi, nel nuovo aggiornamento emoji arriva l’immagine dell’uomo in stato di gravidanza.

Leggi anche: Dire frottole è sinonimo di intelligenza superiore: la conferma arriva dalla scienza

La nuova icona sarà disponibile sullo smartphone nel prossimo aggiornamento Unicode 14.0, che dovrebbe arrivare a settembre 2021, ma il nuovo pacchetto dei simboli è stato svelato in anteprima da Unicode Consortium, l’associazione no profit californiana a cui spetta il compito di approvare le codifiche dei caratteri che circolano sul web.

Advertisement

Una notizia che ha aperto la strada alle discussioni messe a tacere sul nascere dalle dichiarazioni di Jeremy Burge, uno dei responsabili dell’archivio Emojipedia. “Quasi tutti le emoji possono avere di default un’opzione di genere neutro, con la possibilità di utilizzare una donna o un uomo ove pertinente” – questo quanto reso noto da Burge, come riferito da Open.

Condividi: