GF Vip. Micol Incorvaia, squalifica in arrivo: “Ha cantato l’inno della propaganda fascista”, pubblico in rivolta

Advertisement

Ancora polemiche attorno ai concorrenti del GF Vip: ha destato discussioni social un breve stralcio della diretta con protagonista Micol Incorvaia mentre intonava un inno di propaganda fascista. L’episodio incriminato andato in scena quando la fashion designer si stava preparando per la diretta del 10 novembre con Alfonso Signorini, ha creato agitazione in rete dove si è chiesta la squalificata della sorella di Clizia. In tanti si sono detti indignati per questo episodio, che ha visto la Incorvaia junior canticchiare un pezzo notoriamente conosciuto come politicamente inquadrato.

Dopo l’approdo in rete del video incriminato, che l’ha immortala mentre nella zona trucco della Casa di Cinecittà si spazzolava i capelli intonando “Faccetta Nera”, su Twitter sono esplosi in tanti, che hanno segnalato disapprovazione e richiesto la sua squalifica. I più critici infatti hanno condannato senza appello la concorrente del GF Vip 7 per essersi lasciata andare ad un canto di propaganda fascista, canticchiando l’inno scritto nel 1935 da Renato Michele.

Scandalo al GF Vip 7, Micol Incorvaia nella bufera per aver intonato “Faccetta nera”

“Faccetta nera” è il brano che maggiormente ha caratterizzato il ventennio fascista, ed il suo intento celebrativo è volto a perorare l’esaltazione del valore nazionale, in seguito alla colonizzazione dell’Abissinia (l’attuale Etiopia). Per il contenuto che incita il pensiero fascista esaltandone i principi, la canzone non è scevra di un valore apologetico nei confronti del fascismo. Per questo motivo, i fan del GF Vip si sono lamentati dopo che Micol Incorvaia con una certa leggerezza ha canticchiato il brano, il quale ha fatto indignare gli internauti.

Advertisement

Micol Incorvaia canta Faccetta nera

Leggi anche: GF Vip. Sonia Bruganelli offesa dalla vippona, mai vista così furiosa: “Non ti permettere mai più”

Oltre a raccogliere critiche, il gesto di Micol Incorvaia ha spinto i più dissidenti ad invocare un provvedimento da parte della macchina del reality targato Canale 5, che sta collezionando in questa edizione un mare di polemiche per via della condotta non sempre corretta dei suoi tanti vipponi. In attesa di vedere se Alfonso Signorini ed il suo pool di autori interverranno per fare chiarezza sulla vicenda, ed eventualmente punire la gieffina, le discussioni in rete continuano a tenere banco, coinvolgendo uno dopo l’altro tutti i coinquilini del bunker di Cinecittà.

Advertisement

Leggi anche: Karina Cascella rompe il silenzio su Barbara D’Urso, la verità mai svelata: “Ecco perché mi ha cacciato dal suo programma”

CONDIVIDI ☞