Advertisement

Giulia Cecchettin, la famiglia: chi sono lo zio Andrea, la nonna Carla e il fratello Davide

Advertisement

L’omicidio di Giulia Cecchettin, la studentessa di 22 anni, ha scosso profondamente l’Italia, l’ex fidanzato Filippo Turetta, dopo essere stato estradato dalla Germania, si trova ora in prigione a Verona. Questo evento tragico ha portato alla luce dettagli sulla famiglia della ragazza, mostrando un tessuto familiare forte ed unito, che già l’anno passato ha subito un grave lutto: la morte della mamma di Elena, Giulia e Davide. Una famiglia unita nel dolore che si è mostrata con dignità cogliendo l’occasione per ricordare Giulia e per condividere messaggi importanti contro la violenza sulle donne.

Il padre Gino, per la sua integrità, i messaggi condivisi sui social e le dichiarazioni rilasciate alla stampa ha fatto breccia nel cuore dell’opinione pubblica. Il fratello minore di Giulia Cecchettin, Davide ha espresso il suo dolore tramite Instagram. Lo zio Andrea, una figura chiave durante la scomparsa di Giulia, è noto per il suo attivismo, ha lanciato diversi appelli dopo la scomparsa dei due giovani.

Giulia Cecchettin, la forza encomiabile della sua famiglia

Giulia CecchettinAnche la figura della nonna paterna Carla Gatto, un’artista appassionata, che condivideva con Giulia l’amore per l’arte si è imposta all’attenzione del pubblico. La nonna di Giulia, una pittrice rispettata, ha espresso in un’intervista il suo dolore e la sua ammirazione per la nipote, descrivendola come una ragazza meravigliosa, con una sensibilità e un rispetto radicati nella sua educazione.

Leggi anche: Giuseppe Cruciani e l’attacco alla sorella di Giulia: “Ecco perché non mi pento”

Al centro dell’attenzione mediatica, in particolare, si è posta Elena Cecchettin, sorella di Giulia. Nel pieno del suo lutto, Elena si è distinta per il suo impegno attivo nella lotta contro la violenza di genere. Ha saputo trasmettere messaggi di coraggio e speranza. Lo zio, Andrea Camerotto, riflettendo sulla vivace personalità di Giulia, l’ha evocata come una persona costantemente sorridente, acuta e amabile. Il padre, Gino, è al timone di un’azienda elettronica, mentre la memoria della madre, Monica, deceduta l’anno scorso a causa di un tumore, continua a essere un pilastro di inestimabile valore nella vita di Giulia.

Leggi anche: Filippo Turetta, il parere del giudice: “Non rischia l’ergastolo, mancano le aggravanti”

CONDIVIDI ☞