“Il Green Pass è una discriminazione. Non lo porto”: la maestra si presenta a scuola con un cartello di protesta al collo e viene cacciata

Advertisement

Nel mondo della scuola le proteste messe in atto in prima linea dai docenti si rincorrono, e tra quelle più discutibili spicca quella di una maestra di una scuola primaria di Bologna, che si è presentata al collegio docenti del primo settembre senza Green Pass facendo sentire il suo dissenso: “Io sono contraria al certificato, non lo presento e voglio entrare altrimenti chiamo i carabinieri”.

Leggi anche: “Mi vaccino solo per non perdere il lavoro”: quattro persone seguono l’esempio dell’insegnante che ha scritto la sua protesta sul modulo del consenso

La contestazione messa in atto dalla docente di ruolo presso la primaria Don Milani di Bologna ha destato scalpore, non solo tra i suoi colleghi come ha riferito la Repubblica, edizione locale, che ha ricostruito l’accaduto: la docente si è presentata a scuola in compagnia di una signora presentata come “avvocata non iscritta all’albo”, la quale ha ripreso la discussione sorta tra la maestra, contraria al Green Pass, e la dirigente scolastica Ombretta Pavoni che ha tentato di spiegarle che la certificazione era obbligatoria.

Advertisement

Green Pass una discriminazione maestra

Maestra si presenta a scuola con un cartello di protesta contro il Green Pass

Un episodio che si è concluso con l’intervenuto dei carabinieri che hanno invitato l’insegnante ad abbandonare la scuola. Ma dopo un primo tentativo la docente è tornata alla carica ripresentandosi a scuola, chiedendo di essere lasciata entrare, e protestando contro la richiesta della certificazione: “Io non lo presento”. Sono stati chiamati di nuovo i carabinieri, la preside ha chiesto il loro intervento per far uscire la maestra entrata a scuola con il registratore e con al collo un cartello con su scritto lo slogan: “Il Green Pass è una discriminazione”.

Leggi anche: “Mi licenzio perché contraria al Green pass”: la protesta della professoressa che dopo 17 anni di carriera rinuncia alla sua cattedra

La protesta della docente è stata segnalata all’ufficio scolastico, e rischia la sospensione dal lavoro e dalla retribuzione perché sprovvista della certificazione obbligatoria. Un caso che ha lasciata attonita la dirigente scolastica Ombretta Pavoni che ha dichiarato: “Si tratta di un’insegnante stimata, le sue colleghe sono rimaste disorientate e io sono molto dispiaciuta per la vicenda umana perché così la docente mette a repentaglio la sua professione“.

Advertisement
CONDIVIDI ☞