“Sono stata licenziata dopo 12 anni in un ristorante stellato. Meglio così, era un sopruso con turni di 18 ore”: nota pastry chef racconta il suo radicale cambio di vita

Advertisement

Riley Redfern, pastry chef di ristoranti stellati per 12 anni, dopo essere stata licenziata durante i primi mesi della pandemia ha raccontato come è passata dal sentirsi fortunata per il lavoro che svolgeva alla disperazione, per poi dare una svolta alla sua vita. La nota pastry chef si è sfogata sulle colonne di Insider percorrendo le tappe della sua vita professionale. Dopo anni passati a lavorare in cucina accettando turni massacranti e diversi soprusi si è ritrovata a reinventarsi. Riley Redfern ha lavorato nelle cucine di ristoranti stellati per 12 anni, poi nel marzo 2020 ha perso il lavoro: il suo capo le ha detto all’improvviso che il suo posto era stato tagliato in quanto non fondamentale.

Leggi anche: “Chi finge di lavorare è ben visto proprio come chi lavora veramente”, le conclusioni di uno studio che fa discutere

Un licenziamento improvviso che l’ha lasciata smarrita e spaventata non sapendo come muoversi, ma poi ha capito che poteva riposare prendendo consapevolezza del fatto che la sua occupazione l’aveva esaurita fisicamente e mentalmente.

Advertisement

Lo sfogo della pastry chef Riley Redfern

Il lavoro che amava e che la faceva sentire fortunata in realtà suscitava in lei risentimento dopo aver vissuto per anni soprusi: “Ho trascorso anni perdendo me stessa, mentre raggiungevo il successo”. Nel suo sfogo Riley ha svelato di aver spesso lavorato in cucina da 10 fino a 18 ore al giorno, subendo anche gli insulti di chef di turno, un clima di tensione che l’ha spinta a trovare una valvola di sfogo nella droga e nell’alcol.

La pastry chef Riley Redfern, racconta il suo radicale cambio di vita dopo il licenziamento

Per anni ha sopportato tutto per riuscire a portare a casa uno stipendio che le permettesse di vivere nella costosa San Francisco, rinunciando ad assicurazione sanitaria, vita sociale e relazioni sentimentali. La pastry chef ha persino confessato di aver pensato al suicidio, per poi desistere per rincorrere il successo e realizzare il suo sogno. Ma quando i ristoranti hanno iniziato a riaprire dopo il periodo critico della pandemia, Riley non ha sentito la necessità di sgomitare per ritornare al lavoro soddisfatta per aver ripreso a condurre una vita sana senza la pressione del lavoro.

Così si è promessa che non sarebbe mai tornata indietro cambiando professione, ha trovato un lavoro come sviluppatrice di software, rinunciando alle sue abilità: “[…] Voglio essere sana sotto il profilo emotivo e fisico, avere una stabilità finanziaria e trovare un amore sano, vero, che posso alimentare in modo sincero. Lo desidero più di qualsiasi riconoscimento o successo”.

Advertisement

sfogo della pastry chef Riley Redfern

Leggi anche: “Saremo amanti per sempre, non giudicatemi”: il racconto di una donna che da 10 anni ha una relazione con un uomo sposato

Nella sua testimonianza raccolta da Insider, la ex da pastry chef ha poi denunciato una criticità sottaciuta nel mondo della ristorazione di alto livello: “Non si parla abbastanza della salute mentale nell’industria dell’ospitalità, nonostante tante vite perdute per suicidio o abuso di sostanze. Le persone che lavorano nell’accoglienza sono naturalmente generose e quando un sistema che rifiuta pratiche di lavoro eque li sfrutta, si riducono a larve. I lavoratori dei ristoranti meritano di meglio, c’è voluta una pandemia globale perché alcuni iniziassero a realizzarlo”.

CONDIVIDI ☞