Mahmood asfalta Rhove, la critica feroce durante il concerto: “Si lamenta del pubblico smorto, ma vi dico io di chi è la colpa”

Advertisement

Rhove è stato ultimamente bersagliato da diversi colleghi, e nell’elenco dei suoi denigratori si è aggiunto anche il nome di Mahmood, che come Salmo ed i Pinguini Tattici Nucleari, ha rivolto un affondo al giovane rapper nato a Rho. Dopo che l’autore del tormentone “Shakerando” qualche giorno fa si è scagliato contro il pubblico nel corso del suo live a Ferrara perché non saltava commentando: “Divertitevi di più Dio pera”, per poi abbandonare il palco irritato, è finito sotto una valanga di critiche. La bufera social contro il rapper ha visto il coinvolgimento di diversi giovani artisti del panorama musicale che lo hanno attaccato accusandolo di essere lui il responsabile della scarsa partecipazione del pubblico.

Samuel Roveda, alias Rhove, non è stato risparmiato dagli attacchi dei suoi colleghi cantanti e così in fila lo hanno preso di mira prima i Pinguini Tattici Nucleari, che pur non facendo il suo nome hanno fatto riferimento a “video aberranti” di cantanti che sul palco insultano il pubblico, ed in seguito anche da Mahmood.

I video che hanno immortalato il rapper mentre si scagliava contro gli spettatori hanno innescato un vespaio di polemiche sui social. Le parole di Rhove nel corso della sua esibizione live hanno riecheggiato in rete: “Mi sono fermato perché un quarto di voi era fermo. Non esiste che all’ultima canzone state fermi Dio pera. Non esiste. Il concerto è finito e non avete ancora saltato un C. Questo è un problema. Chi ha saltato è nella mia C di Vibe Provinciale, il resto raga mi dispiace ma divertitevi un po’ di più”.

Mahmood asfalta Rhove

Advertisement

Le immagini del rapper hanno non solo fatto registrare le critiche inferocite di molti internauti, ma anche di diversi cantanti, come nel caso di Salmo che lo ha messo sotto accusa invitandolo ad imparare a cantare. Invece la formazione dei Pinguini Tattici Nucleari si sono limitati a puntargli il dito contro sostenendo che non sia padrone del palco visto che non è riuscito a coinvolgere il pubblico.

“Mi è capitato in questi giorni di vedere video aberranti di cantanti che sul palco insultano il proprio pubblico perché non canta o non salta. Mò chi glielo spiega che farli cantare e saltare è compito loro? È come se un cuoco insultasse i clienti perché lasciano avanzi nel piatto o non mangiano. Quando si parla di gavetta si parla anche di questo. Le serate con davanti cinquanta persone disinteressate che ti devi conquistare da solo” – questo il commento della band.

Mahmood affossa Rhove

Leggi anche: Maneskin sotto accusa, l’attacco feroce del noto cantautore: “Perfetti rappresentanti di una generazione di imbecilli”

Advertisement

Le polemiche hanno acceso a lungo le discussioni in rete corroborate anche dalle recenti parole di Mahmood che si è scagliato contro Rhove nel corso di un suo ultimo concerto, quando sul palco si è rivolto ai suoi fan per sferrare una sonora bordata contro il rapper milanese dichiarando: “Ultimamente vedo in giro di gente che si lamenta di pubblici smorti, ma quello che dico è: se la gente non se move è colpa di chi sta sul palco, no? Voi raga questa sera siete stati pazzeschi”.

Il giovane rapper non è stato perdonato dai suoi colleghi che gli hanno additato delle grosse colpe, ma Rhove classe 2001 dovrà imparare presto ad essere più padrone del palco ed umile, se vuole rimanere sulla cresta dell’onda.

Leggi anche: Emma Marrone, terrore durante il concerto, la cantante ferma tutto: “Ho paura!” E il video diventa virale

CONDIVIDI ☞