Maurizio Costanzo, la drammatica confessione mette i brividi: “Malato in un letto per tanto tempo”, fan scioccati

Advertisement

Maurizio Costanzo da giornalista, conduttore ed acuto opinionista dall’occhio critico del mondo dello spettacolo e della tv, ha una carriera invidiabile, e dopo aver archiviato diversi divorzi ha avuto modo da più di 20 anni di trovare la stabilità in amore al fianco di Maria De Filippi.

Un sodalizio prima professionale e poi umano che ha permesso alla coppia di trovare il proprio equilibrio e di creare anche una famiglia, prendendo una decisione importante: adottare insieme un figlio. Malgrado avesse già sperimentato la paternità, Costanzo ha sostenuto la decisione della conduttrice di Mediaset e così da anni sono diventati i genitori di Gabriele, che è ormai un giovane uomo che lavora dietro le quinte collaborando con i due grandi nomi della tv. Infatti Gabriele Costanzo lavora da qualche tempo nella redazione degli storici programmi condotti da Maria De Filippi e da Maurizio Costanzo.

Maurizio Costanzo, la drammatica confessione sulla sua più grande paura

Ma oltre ad aver fatto la storia della tv dei giorni nostri, ha avuto il merito anche di lasciare il segno come giornalista impegnato, si ricorda infatti che circa un anno dopo dalle stragi che decretarono la morte dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, anche Costanzo era finito nel mirino della mafia. Mentre usciva dallo storico teatro del Parioli, il giornalista è riuscito a scampare ad un attentato ordito contro di lui il 13 maggio 1993.

Advertisement

Si ricorda infatti che in quegli anni nelle sue trasmissioni ha più volte espresso duri moniti contro ogni forma di messaggio di stampo mafioso, dedicando anche degli ampi approfondimenti alla lotta alla mafia, in memoria soprattutto del suo caro amico Falcone, spesso intervenuto ospite del suo storico talk show televisivo. L’attentato che non fece vittime, ma danni ingenti e feriti, è un ricordo spaventoso soprattutto per Maria De Filippi che si trovava in compagnia del giornalista, come lei stessa ha ammesso e che da allora non viaggia più sulla sua stessa macchina.

Maurizio Costanzo dramma

Ma l’essere stato condannato a morte dal boss dei boss, non è la più grande paura della vita di Maurizio Costanzo che nel corso delle sue più recenti interviste ha confessato di vivere da anni con un timore opprimente: “Non temo di morire, ma di restare per tanto tempo malato in un letto” – questa la rivelazione fatta qualche tempo fa durante un’intervista per Grazia. Superati gli 80 anni il popolare conduttore ha reso noto che non ha paura della morte ma di vedersi spegnere costretto in un letto, mentre lui vorrebbe poter dire addio alla vita sereno e felice al fianco di sua moglie, alla quale è profondamente legato dopo più di 20 anni di matrimonio.

Leggi anche: Amadeus, avete mai visto l’ex moglie del conduttore? È di una bellezza disarmante

Advertisement
CONDIVIDI ☞