Pippo Baudo rivela la lotta contro il brutto male: “Ho scoperto di avere un cancro…”

Advertisement

Pippo Baudo é un’icona della televisione italiana che non ha bisogno di presentazioni. Laureatosi in giurisprudenza, ha capito quasi subito di avere un talento particolare che l’ha fatto avvicinare al mondo dello spettacolo. Nel 1959 ha condotto, assieme ad Enzo Tortora, il varietà La conchiglia d’oro. Tra le sue trasmissioni più famose si ricordano: TelecruciverbaPrimo PianoGuida degli emigranti. Tuttavia, la vita di Baudo, che ha presentato più di cento programmi, non é stata sempre felice. Il conduttore, infatti, ha dovuto fare i conti anche con la malattia.

Nei momenti più dolorosi, gli sono stati accanto i suoi affetti più cari, tra cui un altro volto noto del mondo dello spettacolo: Katia Ricciarelli, sposata dal presentatore nel 1986, e da cui ha divorziato nel 2004. Con Alida Chelli e Adriana Russo, invece, Pippo Baudo ha avuto brevi relazioni. Ha sposato anche Angela Lippi, da cui ha avuto una figlia, Tiziana, mentre dalla relazione con Mirella Adinolfi é nato, nel 1962, Alessandro. 

A parte le sue vicende sentimentali, Baudo ha dovuto affrontare diversi problemi di salute, come ha confermato lui stesso: ”Nella mia vita ho avuto tante malattie e sono stato operato tante volte…”, anche se una, in particolare, ha lasciato il segno nella vita del presentatore siciliano; vediamo perché.

Pippo Baudo: la malattia del presentatore e la geniale intuizione dei medici

Advertisement

Pippo Baudo, oggi 85enne,  ha raccontato, a proposito delle sue condizioni di salute: ”Ad un certo punto ho scoperto di avere un cancro alla tiroide ed ho vissuto un periodo preoccupatissimo. Avevo il cancro e facevo la prima ‘Canzonissima’ della mia vita, erano gli anni ’70”Pippo ha mostrato sempre molto coraggio nell’affrontare la malattia, apparendo in video in maniera impeccabile e professionale. La sua malattia é legata alla famosa esplosione avvenuta a Chernobyl.

Pippo Baudo il male

”Successe l’esplosione di Chernobyl e molti notarono come il sodio radioattivo faceva nascere bambini grassi perché privi di tiroide, ha spiegato Pippo Baudo, sottolineando come questa circostanza, approfondita dagli studiosi, sia stata fondamentale per lui. 

”Mi portarono a Pisa, dove c’erano tanti ricoverati come me e mi chiesero se volessi fare un esperimento con loro. Accettai”, ha raccontato il popolare presentatore, parlando della sua svolta. Come riportato su Leggo, lo iodio radioattivo é riuscito a distruggere la tiroide malata in soli sette giorni, durante i quali Pippo Baudo é rimasto in isolamento. Il suo coraggio, ma anche la geniale intuizione dei medici sono stati determinanti affinché il conduttore uscisse dall’incubo nel quale é piombato.

Advertisement

Leggi anche: Al Bano e Romina di nuovo insieme, la clamorosa indiscrezione fa impazzire i fan: “Davanti agli occhi di tutti”

CONDIVIDI ☞