Scandalo a Sanremo 2022, Achille Lauro non perde il vizio: mezzo nudo e sorpresa finale. Gelo in sala

Advertisement

Achille Lauro ha inaugurato il Festival di Sanremo 2022 con una performance incisiva preannunciata da un look che ha subito attirato l’attenzione: il cantante si è presentato sul palco dell’Ariston quasi nudo, ossia a torso nudo con un paio di pantaloni in vinile ed a piedi scalzi. Amadeus dopo averlo presentato ufficialmente non ha rinunciato a fare del sarcasmo adducendo la sua capacità di stupire. Ancora una volta Achille Lauro ha lasciato il segno sul palco sanremese con un’esibizione evocativa, portando in scena un controverso quadro, che ha fatto da cornice al suo brano “Domenica”.

Una canzone che ha interpretato avvalendosi della presenza dell’Harlem Gospel Choir e non rinunciando a mettere in scena una performance alquanto spettacolare, come l’artista in gara aveva preannunciato sui social prima della sua esibizione. Infatti il cantante prima di salire sul palco della kermesse ha condiviso un video su Instagram in cui non sono mancati i consueti riferimenti al mondo religioso ed alla simbologia liturgica.

Achille Lauro mezzo nudo a Sanremo 2022 finisce sotto una pioggia di accuse

L’esibizione di Achille Lauro nel corso della gara canora ha creato scalpore, non solo perché è apparso quasi nudo ma anche per un gesto forte fatto nel corso dell’esibizione, che ha rinnovato le accuse di blasfemia nei suoi confronti dell’artista. Infatti la sua suggestiva esibizione del brano “Domenica” ha lasciato di stucco il pubblico televisivo che ha assistito al suo exploit. L’artista verso la fine della sua esibizione ha conquistato il centro del palco spostandosi verso il bordo per prendere una ciotola simile alla classica conchiglia battesimale usata in chiesa dai sacerdoti durante il battesimo per buttarsi dell’acqua addosso, dopo essersi messo in ginocchio.

Advertisement

achille lauro sanremo 2022

Leggi anche: Sanremo 2022. Iva Zanicchi al peperoncino, la bollente promessa al pubblico del Festival: “Se vinco faccio…”

L’artista che non è nuovo alle provocazioni è finito di nuovo nell’occhio del ciclone “battezzandosi” mentre il coro ripeteva la parola “Domenica”. Un gesto bollato come blasfemo che gli è costato non solo aspre critiche da parte del mondo religioso ma anche da parte del web che ha fatto diventare virale la sua performance sanremese. Lauro ha così inaugurato con il quadro portato sul palco dell’Ariston la prima polemica ufficiale surriscaldando il popolo social e l’opinione pubblica.

Leggi anche: Arisa shock, la cantante mostra il suo corpo su Instagram, ma gli scatti bollenti finiscono sotto una pioggia di insulti

Advertisement
CONDIVIDI ☞