“Ho passato la notte con Roberto Mancini. Avevo due possibilità, o lui o Vialli”: Lory Del Santo rivela i retroscena dell’incontro

Advertisement

Non poteva mancare il ricordo piccante nella chiacchierata che Lory Del Santo ha fatto nella trasmissione radiofonica Ì Lunatici.

La bella soubrette è stata ospite di Rai Radio 2, nel programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.  E, in tempo di Europei di calcio, non poteva mancare la sorpresa riguardo Roberto Mancini, attuale allenatore della Nazionale di Calcio Italiana.

“Guarda, dice la Del Santo, quando ho incontrato Mancini ho avuto due possibilità: Vialli o lui, perché erano insieme”. Incuriositi i radio ascoltatori, l’ex attrice ha raccontato nei particolari la serata durante la quale incontrò l’allora giocatore Mancini, e l’inseparabile amico Gianluca Vialli.

Advertisement

Leggi anche: Lory Del Santo svela l’infedeltà di Amedeo Goria: “Ruta, lui voleva tradirti con me”

Lory Del Santo

 

Il ricordo di Lory Del Santo

“Ero capitata per caso a questa cena, non mi ricordo neanche chi mi avesse invitata”, racconta Lory Del Santo. Che, punzecchiata dai due conduttori prosegue : “Purtroppo era finita tardi e non sapevo dove andare a dormire, non avevo un passaggio, non mi ricordo, i treni non c’erano”. Fatto sta che in quei frangenti scatta lo sguardo e la proposta da parte di Mancini.

Advertisement

Lory, dopo aver indugiato sui particolari della cena, dice : “Tutti e due, riferendosi all’attuale CT della Nazionale e a Gianluca Vialli, erano interessati a me. Dovevo come scegliere: o stavo con uno, per dormire, o stavo con l’altro e poi la mattina sarei partita.  Ho scelto lui perché, non che Vialli non fosse un bellissimo uomo eh, all’epoca era veramente interessante, però era più play-boy, invece l’altro era più pacato, più dolce e ho scelto lui!”

Leggi anche: Temptation Island. “Gli ha poggiato il seno sulla schiena”,  Tommaso accecato dalla gelosia sbotta furioso contro la fidanzata Valentina

Cosa accadde quella notte la Del Santo non lo dice, ma gli elogi che oggi Lory fa a Roberto Mancini lo lasciano immaginare. “Forse ho scelto l’uomo della sicurezza, non lo so perché ho scelto lui, però si è dimostrato un uomo di una dolcezza….” Ammette di aver rivisto Mancini in seguito per caso, a teatro, e di confermare la particolarità dell’uomo.

Advertisement

“Una persona molto gentile”, dice oggi Del Santo dell’allenatore della Nazionale.

Condividi: