“Che scempio!”: il murale dedicato a Raffaella Carrà vandalizzato e imbrattato con scritte omofobe

Advertisement

“Una vita è una vita quando hai la libertà”. Questa la didascalia che accompagnava il murales dedicato a Raffaella Carrà a Barcellona.

La scomparsa di Raffaella Carrà, avvenuta il 5 luglio scorso, è stata ricordata in Spagna con diverse iniziative. A Barcellona l’artista catalano Salvatore Benintende ha dedicato un murales alla grande Raffa omaggiando il pensiero e il grande senso di libertà dell’indimenticabile show girl. L’opera dell’artista spagnolo è stata realizzata su un grande sfondo, per metà viola e per metà arcobaleno, proprio per ricordare la sensibilità di Raffaella Carrà nei confronti dei gay.

Leggi anche:”Raffaella Carrà era la mia mammina”: Alessandro Greco rivela i dettagli del suo profondo rapporto con l’artista scomparsa

Advertisement

In diverse occasioni Raffaella aveva sottolineato questo fatto, al punto di dire in una intervista : “Morirò senza saperlo. Sulla mia tomba lascerò scritto: ‘Perché sono piaciuta tanto ai gay?'” Il feeling che l’artista aveva con il mondo omosessuale è stato ricordato in una recente intervista da Cristiano Malgioglio. “Ringraziamo la Spagna, ha detto Malgioglio, per quello che sta facendo per la Carrà mentre l’Italia dorme”.

Leggi anche: ”Scusaci Raffaella”: Madrid batte l’Italia sul tempo e dedica una piazza alla Carrà

Purtroppo però il murales dedicato alla Carrà a Barcellona è stato imbrattato con scritte omofobe.

Murale Raffaella Carrà imbrattato

Advertisement

Deturpato il murale dedicato a Raffaella Carrà

Come riferito dalla stampa spagnola e internazionale l’opera di Salvatore Benintende è stata deturpata con parole come “Gay no” e “Vih”. “Non riesco nemmeno a esprimere la rabbia che provo per queste persone così piccole”, ha tweettato Barbara D’Urso appresa la notizia di questo gesto inqualificabile.

Mentre Pedro Almodovar, regista spagnolo e grande amico di Raffaella Carrà ha dichiarato che dedicherà a lei il film che presenterà al Festival di Venezia. Tutto il mondo dell’arte e dello spettacolo è rimasto colpito da questo gesto che vuole macchiare la sensibilità e il grande senso di libertà di Raffaella Carrà.

Nella speranza che anche il nostro Paese si decida a dedicare alla Carrà qualcosa che ricordi quanto è stata amata la Raffa nazionale.

CONDIVIDI ☞