Sanremo della vergogna. La Rappresentante di Lista nella bufera, un gesto inammissibile: il pubblico invoca la squalifica

Advertisement

Dopo le accuse di blasfemia rivolte all’esibizione di Achille Lauro, che ha ancora una volta ha puntato su un quadro provocatorio per fare da cornice al suo brano di Sanremo 2022, anche il duo La Rappresentante di Lista è finito al centro di una fragorosa polemica. Nel corso della performance sul palco dell’Ariston,  Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina, in gara per il secondo anno consecutivo, insieme ai musicisti che hanno accompagnato la loro canzone sanremese dal contenuto apocalittico, hanno deciso di fare un gesto associato ad un retroscena pregno di ideologia storica e politica.

Così è esploso un polverone attorno al pugno chiuso ostentato sul palco sanremese dal duo di artisti, qualcuno ha tacciato la loro trovata come un messaggio comunista, altri invece sui social si sono spinti a ricercare il messaggio nascosto dietro a quell’emblematico gesto simbolico e non solo.

Sanremo 2022 nuova polemica: il duo La Rappresentante di Lista nella bufera

Sanremo della vergogna

Advertisement

La Rappresentante di Lista ha portato a Sanremo 2022 un brano moderno che mixa insieme scenari apocalittici e voglia di ribellione, il brano parla di fine del mondo e di salvezza e proprio su queste parole nel corso della performance è spuntato il saluto di connotazione ideologica.

Leggi anche: Sanremo 2022. Damiano dei Maneskin non ce la fa più, il cantante scoppia in lacrime: ecco perché

Sfidando l’opinione pubblica e la stessa macchina della kermesse canora, il duo con sguardo fiero indirizzato verso la telecamera ha sollevato il pugno chiuso davanti al pubblico in sala. Al termine della loro esibizione è scoppiato un pandemonio in rete, dove si sono contrapposti fronti a favore del gesto ed oppositori che hanno bollato il loro saluto come fuori luogo per quel contesto. I più critici si sono spinti oltre invocando la squalifica per aver tirato in ballo un codice politico dal marcato schieramento, altri utenti indignati hanno tacciato come vergognoso il gesto. Su Twitter non sono mancati commenti favorevoli leggendo in quella simbologia una reminiscenza comunista dei tempi andati di cui molti hanno nostalgia.

Advertisement

Leggi anche: Scandalo a Sanremo 2022, Achille Lauro non perde il vizio: mezzo nudo e sorpresa finale. Gelo in sala

CONDIVIDI ☞