Tiziano Ferro ‘tradito’ dal suo produttore, svelato il retroscena sulla famosa canzone: “Abbiamo copiato, ma c’era un accordo”

Advertisement

Veleni su Tiziano Ferro, il produttore di uno dei brani iconici degli esordi del cantante di Latina “Xdono” ha reso noto un dettaglio controverso, ammettendo di averlo copiato da un artista, che anni fa era sulla cresta del successo. Le rivelazioni fatte da Michele Canova, musicista e produttore musicale, intervistato da Rolling Stone, hanno creato scompiglio, stagliando delle ombre su Ferro, accusato di plagio per aver scopiazzato il brano “Did You Ever Think” di R.Kelly.

“Tiziano era un bel ragazzo, cantava bene. Io avevo capito come copiare il suono che da sempre piaceva a lui, un certo tipo di r&b. E il gioco funzionò. Copiare, sì. Ovviamente non potevo campionare direttamente: perché se l’avessi fatto, poi giustamente ci facevano causa. Xdono, non è più un mistero per nessuno, era proprio presa di peso da un pezzo di R. Kelly. Io e Tiziano ci siamo guardati, me lo ricordo ancora oggi, mentre eravamo in studio: ‘Facciamo la marachella? Sì, dai: facciamola’” – queste le dichiarazioni senza alcun filtro di Canova.

Michele Canova, lo scottante retroscena sul successo di Tiziano Ferro

Il produttore ha poi ammesso che visto il successo del tormentone lanciato da Tiziano Ferro, si sono ritrovati ad essere accusati di plagio, ma dal punto di vista legale la questione ha finito per spegnersi rapidamente. Ricordando quella che lui ha definito una “marachella”, Michele Canova ha ammesso che dopo quel brano, avvolto da tante ombre, ha avuto inizio il grande successo di Tiziano Ferro, che è riuscito ad imporsi sulla scena musicale con decisione.

Advertisement

Produttore di Tiziano Ferro

Leggi anche: Ermal Meta sta male, l’annuncio del cantante preoccupa i fan: “Gonfiore a viso e testa”, annullati tutti i concerti

Il racconto del produttore ha scatenato la reazione dei fan dell’artista di Latina, che non hanno gradito le accuse rivolte al loro beniamino non accettando che sia macchiano dell’accusa di plagio ai danni di R.Kelly, che al momento non se la passa bene per via di una condanna a trent’anni di carcere per adescamento di donne e bambini a scopo sessuale. Non sono mancati i commenti di chi ha criticato un simile espediente per raggiungere il successo, sostenendo che è stata messa in piedi una vera e propria macchinazione.

Ecco il video del plagio: 

Advertisement

Leggi anche: GF Vip. Orietta Berti rompe il silenzio, spunta il pesante retroscena: “La lite con Sonia Bruganelli? Ora vi dico tutto”

CONDIVIDI ☞