Massimo Ranieri non si nasconde più e rivela tutta la verità a Carlo Conti

Advertisement

Massimo Ranieri, che quest’anno ha compiuto 70 anni, è stato celebrato nel corso del programma condotto da Carlo Conti in onda su Rai 1, lo scorso 8 giugno, durante il quale l’artista italiano che vanta una carriera lunga più di 50 anni si è messo a nudo. Il grande interprete della musica leggera italiana in diretta da Assisi ha ripercorso la sua lunga carriera musicale, svelando di sé anche alcuni retroscena privati.

Leggi anche: Paolo Bonolis risponde alle critiche feroci di Pippo Baudo: “Ma non si vergogna? E poi tutta quella volgarità”

Giovanni Calone, in arte Massimo Ranieri, classe 1951, oltre ad essersi fatto conoscere come cantante, ha vestito anche i panni di conduttore televisivo ma pure di attore e regista teatrale. Della sua vita privata non si conosce molto, e di Ranieri hanno fatto notizia solo due relazioni importanti: quella con Franca Sebastiani e quella con Barbara Nascimbene.

Massimo Ranieri: la sua vita privata

Advertisement

In particolare, la storia con la Sebastiani ha fatto clamore perché la coppia si è incontrata ed amata quando il cantante aveva solo 19 anni ed era ai suoi esordi. Anche Barbara Nascimbene era ai suoi esordi: i due si sono incontrati sul set nel 1984, e la loro relazione è andata avanti fino al 1991. Dalla loro relazione è nata Cristiana, la figlia che l’artista non ha riconosciuto fino al 1995 quando aveva 24 anni, mentre il loro primo incontro è avvenuto 12 anni dopo.

Leggi anche:  Anna Tatangelo vuota il sacco e rivela: “Per troppi anni sono stata zitta a fianco di Gigi D’Alessio”

Malgrado l’abbandono e la defezione dal suo ruolo di genitore, Cristina ha sempre speso delle parole positive nei confronti del madre: “Lo amo e non gli porto rancore è impossibile odiare un genitore. Mia madre non ha mai detto una parola contro di lui” – aveva raccontato Cristiana a Il Corriere della Sera.

Il primo incontro tra padre e figlia si è registrato durante lo show “Tutte donne tranne me” che andava in onda su Rai 1, in quella circostanza Massimo Ranieri ha presentato ufficialmente e riconosciuto anche pubblicamente la figlia. Ranieri più volte ha raccontato della decisione sofferta di non riconoscere la figlia: “All’epoca mi consigliarono di non rendere pubblica la paternità perché avrebbe danneggiato la mia carriera e la mia immagine. L’unico alibi che ho e che ero giovanissimo e inesperto”.

Advertisement

Massimo Ranieri vita privata

Una carriera lunga 50 anni scandita da brani iconici

Ripercorrendo la sua carriera insieme a Carlo Conti, Ranieri ha parlato dei sui grandi successi che lo hanno portato a vendere più di 17milioni di dischi. Una carriera iniziata precocemente negli anni Sessanta con le prime esperienze importanti, fino ad un momento che ha decretato la svolta nella sua professione: nel 1969 arriva il grande successo con il suo brano iconico “Rose Rosse”. Ha poi avuto inizio un’escalation di successi musicali: “Se bruciasse la città”, la versione di “O sole mio”, “Perdere l’amore”.

Nel 1988, Massimo Ranieri ha trionfato al Festival di Sanremo con questo brano che ancora oggi si conferma uno dei brani più iconici della canzone italiana. Ma la carriera di Massimo Ranieri ha conquistato importanti traguardi anche nel mondo del teatro e della televisione, dove l’artista ha dimostrato le sue qualità di “one man show”.

Advertisement

Leggi anche: Chiara Ferragni apre il suo temporary bar nel cuore di Milano, ma il listino prezzi spiazza tutti: “Prezzi quasi onesti”

Condividi: