Il figlio di Gigi D’ Alessio finisce in tribunale dopo le accuse dell’ex colf: “Picchiata e ridotta in stato di semi schiavitù”, denuncia la donna

Advertisement

La data è quella del 27 settembre, quando Claudio D’Alessio, figlio del noto cantante Gigi, sarà in Tribunale.

La vicenda risale al lontano 2014, epoca in cui Claudio D’Alessio era fidanzato con Nicole MinettiSecondo l’accusa il giovane avrebbe aggredito e picchiato la donna di servizio della casa ai Parioli nella quale viveva con la Minetti.

La collaboratrice domestica, una signora ucraina, sostiene che Claudio D’Alessio si sarebbe scagliato contro di lei strattonandola e minacciandola dopo un suo intervento.

Advertisement

Leggi anche: Anna Tatangelo nel dimenticatoio: Gigi D’Alessio non nasconde più la sua nuova, giovanissima fiamma

Figlio di Gigi D’Alessio in tribunale

Le accuse al figlio di Gigi D’Alessio

Quella notte, era esattamente il 5 luglio del 2014, la coppia D’Alessio Minetti stava discutendo molto animatamente. Non riuscendo a riposare la collaboratrice sarebbe così intervenuta tentando di riportare la calma. Halyna Levkova, all’epoca 40enne, accusa Claudio D’Alessio non solo di maltrattamenti, ma anche di averla tenuta in uno stato di semi schiavitù.

La donna, secondo la sua versione, sostiene di non avere ricevuto quanto le spettava per il suo ruolo di collaboratrice domestica. Ovviamente la versione del figlio di Gigi D’Alessio è diversa, e per questo sarà sentito il prossimo settembre dal Pubblico Ministero Mauro Masnaghetti.

D’Alessio che all’epoca dei fatti aveva 28 anni ed aveva una relazione con la consigliera regionale della Lombardia Nicole Minetti, sostiene che la collaboratrice voleva colpire con una sedia sia lui che la compagna. E per questo, nel tentativo di difendersi, avrebbe strattonato la collaboratrice.

Advertisement

Un tentativo di legittima difesa quindi quello di D’Alessio, oggi imprenditore nel ramo del fitness e fresco papà di una bambina avuta con l’attuale compagna.

Leggi anche: Anna Tatangelo vuota il sacco e rivela: “Per troppi anni sono stata zitta a fianco di Gigi D’Alessio”

Il processo, cominciato nel 2018, entra quindi nella fase più delicata, nella quale il Pubblico Ministero dovrà valutare sia l’accusa di violenza che quella relativa allo stato di semi schiavitù.

Advertisement

Del rampollo di casa D’Alessio, da sempre poco propenso a seguire le orme del padre nel settore dello spettacolo, si conosce il passato di latin lover e l’impegno nel campo imprenditoriale.

Condividi: